Programma e Durata

Il Master in Innovazione e digitalizzazione delle istituzioni culturali prevede lezioni online e in presenza nei campus internazionali della John Cabot University, a Trastevere (Roma). Il percorso è organizzato in moduli, che si raggruppano in cinque principali aree di approfondimento:

Leadership e soft skills professionalizzanti

I primi corsi affrontati dai partecipanti forniscono una panoramica completa del mondo del lavoro, e grazie alle lezioni tenute da psicologi del lavoro e professionisti d'azienda, consentono di indagare le proprie competenze in ottica di crescita e inserimento in un nuovo contesto lavorativo. Dall'orientamento al mondo del lavoro all'analisi delle variabili organizzative, più di 30 ore sono riservate a temi quali lo sviluppo di carriera, le competenze richieste dal mondo occupazionale attuale, l'analisi delle prospettive professionali nel settore, coaching individuale e di gruppo. Inoltre, più di 30 seminari l'anno sono specificamente dedicati al potenziamento e al perfezionamento del proprio profilo professionale e lavorativo.        

Potenziamento della lingua inglese

Circa 70 ore di lezione in aula sono riservate al potenziamento della lingua inglese con docenti madrelingua JCU. Tutti gli iscritti potranno effettuare gratuitamente un English Placement Test all'inizio del Master, che consentirà di suddividere gli studenti in base al livello di conoscenza della lingua inglese (dall'elementare all'avanzato). Alle prime ore di pratica della grammatica e della conversazione inglese, si affiancano poi corsi linguistici specifici, che vanno dal Business English per l'acquisizione di competenze linguistiche professionali, all’Art English, fino al Career Development, per lo sviluppo della propria professionalità in un contesto internazionale. Inoltre, durante l'anno vengono proposti numerosi eventi, talks e seminari in lingua inglese.

Strumenti di Management

Ampia parte del Master è dedicata all’acquisizione e all’ottimizzazione delle competenze manageriali e gestionali d’azienda, alla base di ogni approccio strategico alle metodologie digitali e innovative per le attività culturali. Passando attraverso i principi introduttivi del marketing e del project management, fino ad affrontare il people management e il financial accounting, ogni modulo è strutturato secondo un principio fortemente pratico e pragmatico, e prevede attività progettuali individuali e in team, presentazioni in pubblico, simulazioni e analisi di case studies tratti dal panorama aziendale contemporaneo.  

Gestione dell’innovazione digitale

Grazie alle testimonianze di professionisti operanti nel settore, all’analisi di case studies mirati e all’approfondimento del contesto dei beni culturali e dei principali trend d’innovazione, questi moduli consentono di visualizzare in maniera trasversale la Digital Strategy e i principi del Digital Business Model per la cultura. Toccando tematiche quali il Design Thinking per la gestione dei progetti d’innovazione robotica, blockchain, nanotecnologie e immersive technologies per le istituzioni culturali, il Master affronta tutti i nuovi paradigmi digitali e di marketing per la gestione digitale del patrimonio culturale.

Progetto Placement

Una parte fondamentale del percorso è dedicata all'esperienza professionale in azienda, che grazie al supporto del Centro di Avviamento alla Carriera può iniziare già durante gli studi, consentendo di applicare in azienda quanto viene appreso in aula durante le lezioni. Il Master è infatti strutturato in modo da consentire la frequenza delle lezioni in classe e, contemporaneamente, l’esperienza professionale grazie alle 700+ aziende partner dell'Ateneo. Le posizioni aperte di stage o di lavoro part time vengono condivise unicamente con gli studenti e gli alumni della JCU, direttamente dal Centro di Avviamento alla Carriera, che si occupa anche della revisione delle candidature, della preparazione ai colloqui di lavoro, e di organizzare durante l'anno eventi di incontro con le aziende (Career Fairs). 
Scopri di più sul Progetto Placement.